Citazioni con argomento "Tradizione"

La libertà è un sacrificio solitario e una pena dell'anima, e per questo cerchiamo di placarla, di farcela un po' più domestica. Qui ci sono cimiteri pieni di uomini che hanno combattuto per la libertà fino a rimanerci secchi, parecchi di loro sono morti a migliaia di chilometri da dove sono nati, e hanno sentito parlare di libertà fino a farsene una passione.

Gente che è morta in Paraguay, in Polonia, in Spagna, in Grecia, in Russia, più di cento anni fa, ancora più in là nel tempo. Senza contare tutti quelli che sono morti qui a casa. Sulle loro lapidi c'è sempre e solo scritto MORTO PER LA LIBERTÀ. Ma la loro morte, se così si può dire, è stata una faccenda semplice e franca. E, in definitiva, non sono poi così tanti rispetto a quelli che sono "morti di libertà". Quelli vissuti cent'anni senza che gli desse un giorno di tregua un limio che li ha smangiati di dentro, come un ragno che li ha presi nella sua tela e se li è divorati con calma facendoli agonizzare per decenni. Metà di quelli che sono morti di cirrosi lo hanno fatto attaccandosi al bottiglione di striscino solo per placare quel limio, e io credo persino la metà di quelli che si sono venduti alle Brigate Nere. L'opprimente libertà di pensare l'inopportuno, l'indecifrabile libertà dello spirito che si agita nelle penembre del dubbio, il soffio divino che libera le mani in un gesto meraviglioso; quella libertà lì che non ha nomi di amici né di nemici, può essere una tortura troppo crudele, un lavoro troppo pesante.

Molto più facile togliersi lo sfizio e abbrancare l'oppressore, e sgozzarlo con un solco del pennato, agguantare lo sfruttatore e buttarlo giù nel pozzo di una cava. Più facile ancora sbeffeggiare e impiccare quelli che ti sbattono in faccia il loro magone, la smania della febbre che gli invidi. Per questa ragione coltiviamo con tanta devozione le tradizioni e gli stupidi doveri a esse correlati. Per placarci.

Maurizio Maggiani, Meccanica celeste