Autori vari

Come morsi di desideri
sgualciti
a promesse randagie
ho sonnecchiato la luce.

Come un cielo spazientito
in quest'avamposto di resistenza
piovo
coriandoli neri.

Appoggio il mio viso a uno specchio di sabbia
foglia di carne del mio malcontento
foglia svegliata, fotografata.

Una bugia sulla pelle
una sagoma vuota.

Anima sbrecciata e brina
pensionata prostituta
non ti perdoni niente.
Ci sei tu nelle parole
tu nell'occhio muto ascolti.

Sull'umida terra della tua ossessione
scricchioli vergine dentro il mio corpo.

Una svagata levità
d'un sogno finito, vissuto e poi reso
m'impazzisce.
Mi parla di molte
vite
sepolte, assoltate, estinte.
Mi fa custode di te.

In un ulteriore ascendere di luce
albe sulle piastrelle di cucina.
È la felicità
un occulto clamore riciclabile.

Autori vari

Dopo un po' impari la sottile
differenza fra tenere una mano
e intrattenere un'anima.
All'inizio impari che l'amore
non è appoggiarsi qualcuno
o che la compagnia non è
sicurezza.

E inizi ad imparare che i baci
non sono contratti e i doni
non sono promesse.
E incominci ad accettare
le tue sconfitte a testa alta
e con gli occhi aperti, con la
grazia di un adulto, ma con
il dolore di un bambino.

Dopo un po' impari a
costruire la tua strada
oggi perché il terreno di
domani sarà ancora più
incerto per fare piani, e inizi a comprendere che
anche il sole scotta se ne
prendi troppo, perciò pianti
il tuo giardino e decori
la tua anima, invece di
aspettare che sia qualcuno
a portarti dei fiori..

E impari che puoi sopportare,
che sei forte e che voli
davvero!
Sii ciò che ti senti e non ciò
che ti fingi!
Sii ciò che ti dà gioia e non ciò che ti fa paura!
Sii te stesso: io sarò la tua
strada e tu la mia!

Autori vari, Lui, lei, l'altra. Storie tra amore e droga.