Citazioni tratte da "Il re degli interstizi"

Visse, io non so quando, forse mai -
ma il fatto è che visse - un re ignoto
il cui regno era lo strano Regno degli Interstizi.
Era signore di ciò che sta fra cosa e cosa,
degli intraesseri, di quella nostra parte
che sta tra veglia e sonno,
tra silenzio e parola, tra noi
e la nostra coscienza di noi; e così uno strano
muto regno ha tenuto quel re misterioso
segregato dalla nostra idea di tempo e di luogo.

Quei supremi disegni che mai giungono
ad attuazione - fra essi stessi e l'inazione -
non coronato, governa. Egli è il mistero che
sta fra gli occhi e la vista, né cieco né vedente.
Non ha mai avuto fine né principio,
vuoto scaffale sopra la sua presenza vana.
È soltanto una crepa nel suo essere,
la cassa scoperchiata che tiene il non-tesoro del non-essere.

Tutti pensano che sia Dio, tranne lui.

Fernando Pessoa, Il re degli interstizi